Ozonizzazione aria

Non esiste solo la ionizzazione dell’aria per purificare gli ambienti.
Già, perché parallelamente alla ionizzazione esiste anche un altro alleato della salubrità: l’ozonizzazione.

Ecco, quando si sente parlare di ozono, volente o nolente, si pensa al buco dell’ozono. La riduzione dell’ozonosfera è un fenomeno annoso e noto.
Lo strato di ozono presente nella stratosfera protegge la Terra dall’azione dei raggi ultravioletti provenienti dal Sole ma è tutt’altro discorso rispetto all’aria ozonizzata.

Prima di spiegarla per filo e per segno, una piccola parentesi sull’ozono, che altro non è che una forma allotropica dell’ossigeno, le cui molecole sono appunto costituite da tre atomi di ossigeno.

Ciò detto, possiamo procedere con l’ozonizzazione dell’aria, che è diventato ormai un procedimento largamente utilizzato sia negli stabilimenti produttivi, sia negli uffici ma anche negli ospedali per sanificare l’aria.
E allora perché non servirsi di uno ionizzatore anche in casa?

L’ozonizzatore, producendo ozono (più avanti spiegheremo come) ha effetti benefici sull’ambiente domestico, dal momento che combatte in modo ficcante non solo gli odori sgradevoli, ma anche virus, germi e batteri.

Come fa l’ozonizzatore a produrre ozono?

Presto detto: l’apparecchio ci riesce emettendo alcune scariche elettriche che agiscono sulle particelle di ossigeno.

La scarica, per essere chiari, va a rompere la molecola di ossigeno andando a formare due radicali di ossigeno: se i radicali si combinano con un’altra molecola di ossigeno – et voilà – si crea l’ozono. L’ozono, O3, è un gas a bassa densità e incolore (a temperature nella norma) e che si comparta come agente ossidante.

Nella pratica, quando si mette in modo l’ozonizzatore dotato di timer per impostare la durata del trattamento è bene chiudere porte e finestre chiuse e allontanare animali domestici ed esseri umani:

il trattamento, insomma, deve essere fatto sgombrate gli spazi, ai quali vi si può far ritorno dopo diversi minuti, quando l’aria sarà effettivamente salubre per chi la respira.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Add to cart